Tartufi and Friends | Il Divin Tartufo
19829
post-template-default,single,single-post,postid-19829,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-9.1.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

27 Ott Il Divin Tartufo

Il nostro amato tartufo è stato sempre in grado di far perdere i sensi… persino di tentare chi alle tentazioni deve sempre resistere! Nel 500 anche le suore perdevano la testa per i tartufi. La scrittrice Giovanna Casagrande ha scovato negli archivi di un convento una ricetta, poi riportata nel libro “Gola e preghiera nella clausura dell’ultimo ’500”, nella quale le monache consigliano di servire l’alimento afrodisiaco insieme alle melangole, cioè le arance amare che si raccoglievano a gennaio. “Pulisci e friggili nell’olio: fa delle fette sottili e quando l’olio bolle mettili dentro aggiungendo del sale. Non ce li tenere troppo perché si induriscono. Servili cospargendoli di pepe e succo di arance”.

No Comments

Post A Comment